PERCORSI A.S.L. 2018-19

I progetti relativi all’Alternanza Scuola Lavoro (A.S.L.) sono ideati nell’ambito della Legge 107/2015 che all’art. 1, comma 33 recita: “Al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti, i percorsi di alternanza scuola-lavoro di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, sono attuati, negli istituti tecnici e professionali, per una durata complessiva, nel secondo biennio e nell'ultimo anno del percorso di studi, di almeno 400 ore e, nei licei, per una durata complessiva di almeno 200 ore nel triennio. Le disposizioni del primo periodo si applicano a partire dalle classi terze attivate nell'anno scolastico successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della presente legge. I percorsi di alternanza sono inseriti nei piani triennali dell'offerta formativa”.
La scelta di valorizzare Enti e Strutture pubbliche è dettata dalla volontà di promuovere e di ampliare ulteriormente la stretta e fattiva collaborazione già esistente tra il nostro Liceo e la realtà territoriale, da attuare attraverso la valorizzazione, divulgazione e fruizione dei propri Beni e Servizi.
In quest’ottica ben si comprendono le Convenzioni stipulate con il Comune di Partinico, l’A.S.P. 6, il Museo D’Aumale di Terrasini, il Museo e Parco Archeologico Regionale di Monte Jato, Il Comune di Polizzi Generosa.
Qui di seguito si evidenzia il quadro sinottico dei progetti attivati:


Tutor Progetto

Titolo progetto

Classi coinvolte

Nr. allievi

Tutor Classe

Todaro V.

Il Patentino della Robotica (P.O.N.)

3^ A (S.A.)

18      

Chimenti E.

3^ D

16

Amato R.

La Sicilia tra terra, mare e fuoco (P.O.N.)

4^ A (S.A.)

21

Longo F.

4^ C

21

Morello P.

4^ E

25

Rubino G.

Lo spazio pubblico come bene comune

4^ B (S.A.)

22

Bonura L.

4^ D

21

Serretta E.N.

Stabile D.

Sconfiggere il Cancro

3^ B (S.A.)

24

Pizzurro G.

3^ L (S.A.)

25

Savoca V.

Servizi sociosanitari ed educativi del Territorio

3^ N

22

Genuardi S.

3^ O

21

Provenzano S.

5^ M

23

Tulipano G.

5^ N

17      

Chimenti S.

Archeoclassic

4^ H

16

Scarfì A.R.

4^ I

18

Moceri F.R.

Sangiorgio A.

Biblioteca Digitale

3^ H

22

Ciravolo G.

3^ I

18

Riccobono C.

Impresa Formativa Simulata

3^ M (E.S.)

26

Acquaro V.

4^ M

20

Putano A.

4^ N

24

Lo Iacono P.

5^ A (S.A.)

14

Marrocco G.

5^ B (S.A.)

12

Sferrazza L.

5^ G

12

Calagna G.

D'Angelo E.M.

Raccontare e raccontarsi per suoni, immagini e parole

3^ C

22

Gaglio R.

3^ E

24

Sangiorgi G.

Il Mediterraneo: la biodiversità

5^ C

17

Giannola E.

5^ E

20

Caronna A.

5^ F

19      

Pinco G.

Noi e il Mediterraneo

5^ D

19

Chimenti G.

5^ H

25

Brigati C.

5^ L (S.A.)

21

Parrinello F.

5^ O

16

Ciravolo G.

4^ O

16

Santaguida M.



Attività previste:

1^ anno: 80 ore

2^ anno: 100 ore

3^ anno: 20 ore

I Consigli di Classe individuano le competenze da sviluppare in alternanza e, tenuto conto delle indicazioni dei Dipartimenti, concordano con i referenti interni e esterni le azioni da intraprendere e le modalità di valutazione delle competenze da certificare.



Obiettivi del Percorso formativo

Con l'esperienza di alternanza s’intende perseguire i seguenti obiettivi:
·         favorire la motivazione allo studio e l`accelerazione dei processi dei apprendimento;
·         stimolare la presa di coscienza delle proprie capacità, delle proprie risorse e dei propri limiti;
·         aumentare il senso di responsabilità, affidabilità e puntualità nel rispetto di ruoli, date e tempi operativi nel contesto lavorativo;
·         inserirsi e adattarsi all'ambiente di lavoro;
·         realizzare un organico collegamento tra istituzioni scolastiche, mondo del lavoro, società civile;
·         accompagnare lo studente nella conoscenza del mondo del lavoro e delle competenze da esso richieste, scoprendo e valorizzando le vocazioni personali;
·         favorire il confronto tra le competenze richieste dal mondo del lavoro e le conoscenze acquisite nella scuola stimolando l'interazione tra momento formativo e momento operativo;
·         diffondere la cultura di impresa con un'azione di diretto contatto con la realtà lavorativa e professionale delle aziende;
·         incoraggiare negli studenti atteggiamenti di attenzione al mondo produttivo;
·         riconoscere i valori del lavoro.
COMPITI/ INIZIATIVE/ ATTIVITA' CHE I TUTOR INTERNI ED ESTERNI SVOLGERANNO IN RELAZIONE AL PROGETTO
Tutor interno
  Assicura il raccordo tra Scuola – Studente – Famiglia e Museo per promuovere quella corresponsabilizzazione necessaria alla positiva riuscita del percorso formativo;
Si occupa di sostenere lo studente durante tutto il processo di apprendimento;
Elabora, insieme al tutor esterno, il Patto Formativo che sarà sottoscritto dalle parti coinvolte;
  Aggiorna il Consiglio di Classe sul procedimento delle attività;
Acquisisce elementi per il monitoraggio;
È designato dall’Istituzione Scolastico;
Tutor Esterno o Referente
Assicura l’accoglienza e l’inserimento, stabilendo una relazione corretta tra studente e museo;
È tenuto a fornire all’Istituzione Scolastica gli elementi concordati per valutare le attività dello studente e l’efficacia dei processi formativi;
È designato dalla struttura ospitante;
RUOLO DELLE STRUTTURE OSPITANTI NELLA FASE DI PROGETTAZIONE DI REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀPREVISTE DALLE CONVENZIONI
È un ruolo formativo e informativo:
Dare supporto allo sviluppo della capacità di orientarsi e di sostenere le scelte degli studenti, rafforzando così il raccordo tra Museo e Scuola;
Consentire a ogni allievo di sperimentare e verificare, in un contesto produttivo e lavorativo concreto, le capacità professionali acquisite durante l’esperienza lavorativa, operando sia in affiancamento che in autonomia.
RISULTATI ATTESI DALL’ESPERIENZA DI ALTERNANZA IN COERENZA CON I BISOGNI DEL CONTESTO:
            Il progetto si pone come finalità di creare una corretta sinergia tra lo studente e la realtà lavorativa, creando così i presupposti per un’adeguata cultura del lavoro, finalizzata a sfruttare e valorizzare tutte le potenzialità del territorio.
Competenza N. 1: nel contesto lavorativo comprende, seleziona, documenta e archivia le informazioni, utilizzando sia il formato cartaceo sia quello elettronico.

Livelli di padronanza

1 PARZIALE

2 BASILARE

3 ADEGUATO

4 ECCELLENTE

opera in genere meccanicamente,

in modo scarsamente efficace e

inefficiente evidenziando talvolta

comportamenti incongruenti

anche in relazione alla semplice

routine.

opera in modo appropriato in contesti prevalentemente

ricorrenti e/o elementari

caratterizzati da obiettivi

contingenti/immediati.



opera correttamente anche in contesti non del tutto ordinari acquisendo in modo completo le necessarie informazioni e rispondendo anche a talune esigenze implicite.

opera correttamente anche in contesti inusuali ricercando attivamente le informazioni e adottando comportamenti idonei a fronteggiare situazioni complesse/di medio lungo periodo.

Competenza N. 2: legge e comprende i testi riferiti all’attività lavorativa, attivando strategie di comprensione diversificate e individuando gli interlocutori interessati.

Livelli di padronanza

1 PARZIALE

2 BASILARE

3 ADEGUATO

4 ECCELLENTE

opera in genere meccanicamente, in modo scarsamente efficace e inefficiente evidenziando talvolta comportamenti incongruenti anche in relazione alla semplice routine.

opera in modo appropriato in contesti prevalentemente

ricorrenti e/o elementari

caratterizzati da obiettivi

contingenti/immediati.



opera correttamente anche in contesti non del tutto ordinari acquisendo in modo completo le necessarie informazioni e rispondendo anche a talune esigenze implicite.

opera correttamente anche in contesti inusuali ricercando attivamente le informazioni e adottando comportamenti idonei a fronteggiare situazioni complesse/di medio lungo periodo.

Competenza N. 3: conosce i principali sistemi di raccolta dei dati ed è in grado di individuare modalità funzionali di presentazione delle informazioni.

Livelli di padronanza

1 PARZIALE

2 BASILARE

3 ADEGUATO

4 ECCELLENTE

opera in genere meccanicamente, in modo scarsamente efficace e inefficiente evidenziando talvolta comportamenti incongruenti anche in relazione alla semplice routine.

opera in modo appropriato in contesti prevalentemente

ricorrenti e/o elementari

caratterizzati da obiettivi

contingenti/immediati.



opera correttamente anche in contesti non del tutto ordinari acquisendo in modo completo le necessarie informazioni e rispondendo anche a talune esigenze implicite.

opera correttamente anche in contesti inusuali ricercando attivamente le informazioni e adottando comportamenti idonei a fronteggiare situazioni complesse/di medio lungo periodo.

Competenza N. 4: Sa operare in sinergia con altri in un gruppo, nel rispetto dei tempi dati.

Livelli di padronanza

1 PARZIALE

2 BASILARE

3 ADEGUATO

4 ECCELLENTE

opera in genere meccanicamente, in modo scarsamente efficace e inefficiente evidenziando talvolta comportamenti incongruenti anche in relazione alla semplice routine.

opera in modo appropriato in contesti prevalentemente

ricorrenti e/o elementari

caratterizzati da obiettivi

contingenti/immediati.



opera correttamente anche in contesti non del tutto ordinari acquisendo in modo completo le necessarie informazioni e rispondendo anche a talune esigenze implicite.

opera correttamente anche in contesti inusuali ricercando attivamente le informazioni e adottando comportamenti idonei a fronteggiare situazioni complesse/di medio lungo periodo.

                   
Competenze – Abilità – Conoscenze da acquisire

Competenze

Abilità

Conoscenze

Adottare, implementare, e consolidare comportamenti mirati alla formazione di un’adeguata "personalità lavorativa".

Lavorare efficacemente in gruppo;

Individuare all'interno del gruppo di lavoro i diversi ruoli e le loro peculiarità;

Assumere le responsabilità relative al proprio ruolo;

Rispettare i tempi di consegna e le scadenze.


Modelli di organizzazione aziendale




Adottare uno stile comunicativo e comportamentale adeguato al contesto in cui si opera.

Riconoscere e saper utilizzare stili comunicativi efficaci e differenziati rispetto ai diversi interlocutori;

Riconoscere e valutare gli effetti della tecnica e dello stile comunicativo scelti e saperli adattare in base al feedback ricevuto.


Caratteristiche della comunicazione umana;

Le funzioni comunicative;

Comunicazione verbale e non verbale.

Principali tecniche di comunicazione aziendale




Usare efficacemente le lingue studiate in contesti extrascolastici

Analizzare i bisogni comunicativi e adottare le strategie più adatte;

Riconoscere e saper utilizzare i registri linguistici adeguati a situazioni formali non complesse.


  Convenzioni e peculiarità della comunicazione formale scritta e orale delle lingue studiate;

  Elementi di microlingua dei settori rilevanti.


Usare le NT in ambito lavorativo

Creare documenti usando sistemi di trattamento del testo;

Raccogliere e analizzare dati, creare statistiche e database;

Sintetizzare e illustrare utilizzando modelli di presentazione multimediali.


Principali sistemi di trattamento del testo;

Uso dei fogli di calcolo;

Modelli di presentazione;




Operare nell'ambiente di lavoro rispettando le norme di salute e sicurezza.

Adottare pratiche e comportamenti corretti e sicuri;

Affrontare efficacemente situazioni potenzialmente o effettivamente pericolose.


Normativa vigente in Italia sulla prevenzione dei rischi, la protezione e la sicurezza.



MODALITÀ DI CERTIFICAZIONE/ ATTESTAZIONE DELLE COMPETENZE (FORMALI, INFORMALI E NON FORMALI):

            La certificazione rappresenta l’atto conclusivo del processo di valutazione.

Il momento del rilascio del certificato è legato alla durata del percorso di alternanza, che non sempre è coincidente con l’anno scolastico.

Tutti gli strumenti utilizzati devono vedere attori i soggetti coinvolti già richiamati dalla Convenzione stipulata dall’Istituzione Scolastica.
Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter

Cookies Policy
Questo sito utilizza cookies